lunedì 25 luglio 2016

221. CHI È IL NEMICO?

"La guerra è bella anche se fa male ..." cantava De Gregori in una delle sue canzoni più suggestive. È un'affermazione che ho sempre avuto difficoltà ad accettare. Ho provato a capire, a giustificare. Ho cercato una chiave di lettura metaforica. La guerra è bella quando mira a ristabilire la pace, la democrazia, la libertà, mi dicevo, anche se forse esistono sempre strade alternative, altri sistemi che non utilizzano armi. Certo, la guerra può essere bella nello scopo, nell'intento umanitario, ma anche nello spirito cameratesco, nella solidarieta tra quelli che stanno dalla sressa parte, che stringono legami forti, che alla fine auspicano una nuova situazione di condivisione ".. e torneremo ancora a cantare e a farci fare l'amore, l'amore, dalle infermiere". Ci sono paesi in cui la guerra è invocata  per abbattere, annientare un nemico politico, un governo dittatoriale, ma alla fine, si diventa schiavi dei vincitori, o peggio ancora, loro debitori morali. Ci sono guerre in molti angoli del mondo, ma a ciascuna viene dato un rilievo differente, vi sono guerre che durano decenni, che distruggono patrimoni artistici e che sembra abbiano perso di vista il vero scopo. Guerre fini a se stesse, i cui morti non fanno più notizia. Apprendo adesso dell'ultimo attentato compiuto per mano dell'ISIS, una bomba ad Ansbach in Germania. Siamo in guerra anche noi, siamo coinvolti tutti. Questa guerra, però,  è subdola e sleale. Innanzitutto, non sono ben definite le parti: chi vuole distruggere cosa. Chi è il nemico? Chi sono quelli dell'ISIS?  Chi li finanzia? Cosa vogliono? E poi, cosa c'entra la religione, cosa c'entra la nazionalità? Sembra che sia tutto strumentalizzato. Mi sorge il dubbio che si voglia manipolare l'opinione pubblica perché invochi una guerra già preventivata, perché appoggi le solite missioni di pace che con la pace non c'entrano proprio niente. E poi, in questo conflitto non c'è un briciolo di lealtà: la guerra si fa con i soldati, qui incece si ammazzano i civili a tradimento. Si distruggono vite con atti vigliacchi e spietati. Fatela tra voi "potenti" la guerra, chiudetevi in una stanza e giocate alla roulette russa e non usate le persone come carne da macello.
No, la guerra non è bella, la guerra è brutta, è ingiusta e cattiva. E scusate se sono stata infantile nell'uso dei termini e nella narrazione semplicistica, ma credo che un linguaggio più forbito ed una visione più complessa rischino di confondere, di celare la realtà.


3 commenti:

  1. Mi chiedevo quale fosse la causa di tutti questi gesti scellerati; beh ho un aborto ( ? ) di risposta: è in tutti coloro che non hanno mai teso una mano; in tutti coloro che hanno usato prepotenza verso il prossimo, in tutti coloro che hanno fatto finta di non udire e non vedere..e così via. in piccolo , ma non troppo , anche il branco, il bullo , i fatti del rione verde a Caivano etc possono essere uno dei futuri semi di questa violenza . La guerra ? è l'effetto tcabile di tutto ciò, ed ha un origine simmetrica: parte da tutti quelli che vogliono continuare ad opprimere ed esercitare un potere, ma parte anche da coloro che conoscono un solo modo insano ed istintivo di difendersi.
    In poche parole ognuno di noi ha la sua piccolissima parte di colpa nell' origine di una guerra ed ognuno di noi resta poi vittima di chi ha manipolato le menti per far si che poi una parte della popolazione stia al gioco di chi invece guarda solo ai propri interessi e che poi resta il controllore assoluto della sua guerra. Come vedi non è un problema facilmente risolvibile fin quando il mondo è diviso equamente in male e bene....I gesti di questi giorni sono solo l'aspetto che ha assunto negli anni 2000 " la guerra " che poi venga colorita da alibi religiosi ed altri non è importante, è l'origine della guerra che è importante: l'odio che cresce e che esplode.
    Chi è il mio, il tuo nemico ? Certamente tutti coloro che con le proprie azioni trasferiscono il male verso l'altro... a Napoli...a Parigi..a Gaza...nel deserto..nell'Artide...ovunque ! Come si combatte ? non lo so...neppure Gesù l'ha spuntata.. si può solo provare ad essere buoni con gli altri..ma mica sono tanto sicuro che si ottenga la soluzione...come ho detto altre volte " l'uomo ha qualcosa nel suo dna che non funziona solo nel verso del buonismo..ma anche nell'altro ".

    RispondiElimina
  2. Sì Nat, provando ad essere buoni, ad amare, a coltivare il bello. Restando in tema canoro "quando si ama non si perde mai" canta la Mannoia. Ed è così. Non che bisogna essere fessi, accondiscendenti a tutto, ma imparare a condividere, e non i post su Facebook, ma tutto: la terra, lo spazio, il tempo, le risorse ... utopistico? Certo, ultimamente mi sento un po' figlia dei fiori, sarà l'estate, magari prima che torni l'autunno mi sarà già passata questa anomala euforia. Ciao Nat, e grazie sempre per il tuo contributo.

    RispondiElimina
  3. L'utopia è comme l'antimateria ci puoi fare i viaggi interstellari ma al minimo contatto con la materia reale... esplode!
    Ciao, il mio " contributo " nel commentare è dovuto al mio carattere che sceglie sempre la parola rispetto al silenzio; questo aspetto del carattere può però spesso nella vita di tutti i giorni, dove i demoni sono più numerosi degli angeli, diventare un pericoloso boomerang ! In genere nella vita è molto probabile che vincano o i demoni loquaci che usano la parola strategicamente divulgando telenovele , miraggi o proclami a mò di pifferai magici o i demoni silenziosi che ti scavano la buca del trabocchetto ed aspettano come un budda sin quando non ci cadi dentro. Morale " mi diverto " commentando scrivendo ciò che penso realmente...ma sono consapevole che i demoni loquaci e quelli silenziosi sghignazzano dietro l'angolo....si anche i silenziosi sghignazzano...in silenzio in modo che nessuno li senta.
    Ma chi se ne fotte :) c'è sempre l'intelligenza di capire, scegliere ed agire, demoni o non demoni :)

    RispondiElimina

Grazie per il tuo contributo